Abbiamo ricevuto in redazione questo ritaglio del giornale TIRRENO di Livorno inviatoci da un genitore dei ragazzini che frequentano il ns. Settore Giovanile Calcio.

L’articolo in questione riguarda un’ associazione sportiva calcistica di Ponzano, vicino ad Empoli, che ad inizio stagione ha affisso all’ingresso del centro sportivo  un grande cartellone. Con scritto 

“CHI PENSA DI AVERE UN FIGLIO CAMPIONE” E’ PREGATO DI PORTARLO IN ALTRE SOCIETA’ “

E i dirigenti si sono fatti anche una foto sotto, come a dire, da oggi questo è legge, e chi la pensa diversamente può cambiare aria !

Non è un tema sconosciuto, anzi, soprattutto nell’hinterland Milanese, ma ricordarlo può servire molto. Il cartellone esposto a Ponzano è un monito serio dedicato a tutti quei genitori che fanno pressioni, che si lamentano, che protestano durante le partite perchè il proprio ragazzino non è stato convocato, è in panchina, viene rimproverato o sostituito; genitori che spingono insomma perchè il proprio figliolo venga trattato come un futuro campione.

Che poi, magari, solo i loro occhi riescono a vedere, perchè magari quel figliolo un campione non lo sarà, ma ha tutto il diritto comunque di giocare al pallone per divertirsi, per fare sport, per imparare nella maniera più giusta e tranquilla, per GIOCARE A PALLONE E BASTA !!

A doversi allenare dunque, anche secondo noi, non solo solo i ragazzi ma soprattutto i genitori. E ricordarglielo poi con un bel cartellone visibile significa parlar chiaro e forte a chi da questo orecchio proprio non ci vuole sentire.

E’ come ricordare che non si può protestare e soprattutto mandare a quel paese l’arbitro, pena l’ammonizione o l’espulsione.

Il Direttivo Polisportiva Cassina Nuova

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Close